Combat Fartlek sulla cresta dei monti Ardimento selvatico

Addestramento ad intervalli alternando velocità e recupero ed esercizi di corpo libero, o di tecniche combat , vuoto di boxe o calci e ginocchiate o esercizi di qi gong  氣功, Baduanjin 八段錦  o Martialia Fluens Motus , l’attività si svolge rigorosamente in natura e su ispirazione del metodo di Win Hof

L’intensità degli intervalli di velocità e la durata degli intervalli di recupero variano continuamente e questa è proprio la particolarità del Fartlek.
Le due principali abilità che si vanno a sviluppare con la corsa Fartlek sono velocità resistenza, migliorando sia l’esplosività che la capacità di mantenere il ritmo di corsa per un certo tempo. La fase di recupero in questo allenamento è sempre attivo, quindi finita la fase di corsa in velocità non ci si ferma ma si mantiene il movimento .

心不動念 quando la mente non è dispersa

Featured post

La Forza nel Freddo il metodo Wim Hof

RESPIRAZIONE ADDESTRAMENTO AL FREDDO DEDIZIONE

A mio parere un testo chiave per tutti coloro che intendano dare una svolta significativa alla propria esistenza, iniziando un percorso legato all’efficacissimo Metodo di Wim Hof

Motus animalium destrezza motoria, mobilità flessibile

Detrezza motoria, mobilità, fluidità sono alcune abilità fondamentali nell’arti e discipline di combattimento di grande importanza anche nella vita quotidiana:
La riappropriazione del movimento spontaneo naturale, relativo al nostro essere, anche parte del mondo animale, motus animalium è un atto di ”vivificazione” , un impulso vitale che ci dirige a nuove possibilità spazio temporali e ci dona il piacere profondo del movimento corporeo.

” Nell’infanzia poter esplicare un sano e continuativo movimento ha come effetto quello di predisporre il bambino, il piccolo uomo in divenire, a sviluppare nel proseguo della sua esistenza la libertà nella vita dell’anima.”
Rudolf Steiner

Arma bianca simbologia perenne ancestrale

Si può attribuire al maneggio delle armi bianche una indiscutibile ”carica simbolica” ed un attività evocante, secoli di arti degli armigeri, oltre a una forza estetica dirompente archetipica, che dirige l’addestramento verso un attitudine mentale vigile ed un assetto focalizzante sul tempismo , la coordinazione, la determinazione e la destrezza, l’asseritività e la risolutezza del colpire.

un gioco marziale,ma non solo gioco..

Addestramento salendo la corda

benefici di un allenamento con la fune ,sono diversi, dallo sviluppo della forza della parte centrale del corpo e di quella superiore, fino all’estensione della capacità polmonare.
Utilissimo per allenare la schiena, l’addome e le braccia in un esercizio unico, sviluppando altresì una presa delle mani , una morsa assai utile nel confronto di lotta.

Hieronymus Mercurialis nel  De Arte Gymnastica narra che questo esercizio fosse assai importante presso i Greci e Romani, i quali utilizzavano enormi e pesanti corde da marinaio appese in alto, nelle quali i soldati si dovevano arrampicare nel minor tempo possibile.

L'ARRAMPICATA SU CORDA È ANCHE UN OTTIMO MODO PER MIGLIORARE LA TUA AGILITÀ E LE CAPACITÀ PROPRIOCETTIVE.

CONFER

https://ilbolive.unipd.it/it/news/medicina-padova-nei-secoli-esercizio-fisico-salute

Vitam regit fortuna, non sapientia.

Vitam regit fortuna, non sapientia.
La vita è retta dal fato, non dalla saggezza.
(Marco Tullio Cicerone)

Poichè il Potere del divenire è un flusso inarrestabile, che travolge, tutto e tutti, con la nebbia dell’ipnosi collettiva
Non resta, altro, come diceva il filosofo mago Julius Evola :
” se nulla puoi sul tuo nemico che nulla esso possa su di te.. ” in una solitaria ed individualissima scelta dettata ” da soluzioni estreme per colmare il vuoto interiore, dimostrando a se stessi una superiore Libertà”
Realizza un intima calma e fermezza, suscita un ulteriore dimensione della trascendenza”
e accetta che nulla puoi per chi non vuole … ciascuno ha il suo ineludibile destino…


Confidando che ventorum feritas fit aura levis.. che la forza impetuosa del vento divenga lieve brezza…..

Quando sei come costretto dalle circostanze a turbarti, rientra subito in te stesso… Marco Aurelio

Ὅταν ἀναγκασθῇς ὑπὸ τῶν περιεστηκότων οἱονεὶ διαταραχθῆναι, ταχέως ἐπάνιθι εἰς ἑαυτὸν καὶ μὴ ὑπὲρ τὰ ἀναγκαῖα ἐξίστασο τοῦ ῥυθμοῦ˙ ἔσῃ γὰρ ἐγκρατέστερος τῆς ἁρμονίας τῷ συνεχῶς εἰς αὐτὴν ἐπανέρχεσθαι.

Quando sei come costretto dalle circostanze a turbarti, rientra subito in te stesso, e non uscir di misura più di quanto sia  necessario, perchè tornando continuamente all’armonia ne diverrai sempre più padrone

Marco Aurelio

Τὰ εἰς ἑαυτόν Pensieri Meditazioni – Ricordi – A sé stesso

libro VI, 11

Defensor combat quando non è possibile evitare…

Esistono molti modi di concepire la difesa personale, e nello specifico l’autodifesa femminile, ma alla base vi è la necessità di padroneggiare poche, chiare ed efficaci tecniche… sia sul piano fisico che sul piano psicologico emozionale….

Affrontare seriamente le problematiche relative alla sicurezza personale femminile comporta un ampia conoscenza di fattori, a vario livello, certamente non assimilabili in un breve corso , per certi aspetti, anzi una seria ed adeguata preparazione necessiterebbe di un costante addestramento.



L’apprendimento tecnico in una situazione dinamica situazionale altamente mutevole come un contesto di difesa personale, impone innumerevoli variabili imprevedibili.
L’addestramento necessita di un graduale apprendimento per assimilare schemi motori di coordinamento ed automatismo.



La ripetizione sistematica genera un movimento automatico che libera la coscienza e facilita la reattività necessaria all’azione.
Le praticanti sperimentano gradualmente l’approccio al contatto fisico e al confronto/scontro con un possibile ed eventuale aggressore, imparando a gestire le proprie emozioni in un processo graduale e sistematico di apprendimento, che include un’ampia parte di preparazione atletica cardiovascolare oltre ad un adeguato risveglio delle potenzialità psicofisiche di reattività e di riattivazione dell’atteggiamento vitale naturale di resilienza e combattività.

Le tecniche prevedono l’impostazione pugilistica, l’utilizzo degli arti inferiori calci e ginocchiate, e degli arti superiori gomiti (derivati dalla thai boxe ed altre discipline),  svincolamenti da prese e tecniche di base di lotta, simulazione di aggressione e simulazioni di pressing con panico

Durante l’apprendimento si utilizzano diversificate strumentazioni guantoni da boxe per imparare a colpire in sicurezza;
guantini da mix martial arts per utilizzare anche la prensilità
approccio alla mano non guantata.


Il metodo prevede l’utilizzo esercitazioni ai sacchi  focus dinamici e sessioni di sparring con praticanti esperti di sesso maschile che si prestano a essere bersagliati da colpi, evitando e schivando gli attacchi al fine di far apprendere un reale impatto su un aggressore superando le inibizioni culturali psicologiche del colpire un essere umano.
Sono previste sperimentazioni con pressing psicologico e seminari di
addestramento all’attitudine mentale (teoria del predatore/predato).

Powered by WordPress.com.

Up ↑