Spinte ancestrali, istinti atavici Il duello archetipo del Rischio

Cosa veramente spinga un individuo a combattere,duellare,contendere, rischiare,
Resta un mistero.
A pochissimi è dato guadagnare cifre considerevoli
A pochi è dato il prestigio
Ma  molti sentono un spinta interiore irrefrenabile e continuano a praticare….
a volte il limite viene raggiunto e la Dama Nera si presenta…
Rispetto a tutti coloro che osano anche se a volte è una corsa nel baratro…

img_20180325_233216_3411807110478.jpg

Arti Combat

Cuore guerriero     

Il professore sul ring. Perché gli uomini combattono e a noi piace guardarli

L’archetipo del guerriero

 

Vichinghi Ribelli predatori del Nord

”Nella società nordica legata alla struttura sociale della Sippe (stirpe, schiatta) il vichingo veniva rappresentare  per così dire il ribelle cioè colui che rivoltandosi contro un atteggiamento di totale e passiva sottomissione alle esigenze e al destino della comunità ,tentava ,unendosi ad altri individui come lui,di divenire padrone della propria vita e del proprio futuro.
La banda dei Vichinghi che, legati da giuramento di fedeltà a un solo capo, cercavano nell’avventura e nella guerra uno sfogo alle proprie aspirazioni e ambizioni personali, non era infatti che una forma di comitatus.”

 

I Miti Nordici Gianna Chiesa Isnardi pag 17 cap I

25550177_1702803183104141_5235734521684753026_n

comitatus s. m., lat. [der. di comitari «accompagnare»; nel 2° sign., direttamente da comes –mĭtis: v. conte] (pl. –us). – 1. Séguito, accompagnamento. Cesare e Tacito così chiamano il séguito di giovani volontarî, legati da giuramento di reciproca fedeltà, che accompagnavano un capo nelle sue imprese di pace e di guerra

1936109_1115642688486863_5103837666172635926_n
Il Termine comitatus designa secondo Tacito un gruppo ristretto di guerrieri scelti, ribelli alla staticità della società, che unendo i propri sforzi per il conseguimento di un affermazione personale seguivano un condottiero con il quale condividevano il proprio ideale di vita.

 

Hic Manebimus Optime

Le arti di combattimento sono esperienza di meditazione attiva in cui si prende contatto con i propri limiti e le proprie paure per cercare il modo di andare oltre, sono un processo alchemico di distillazione dell’essenza, sempre sull’orlo del rischio e del baratro di perdersi….

sono l’emozione della dinamicità vitale del corpo e della lucidità della mente in interazione con il fuoco dello spirito

L’ impermanenza Anitya,無常,མི་རྟག་པ་ πάντα ῥεῖ

མི་རྟག་པ་  πάντα ῥεῖ

Avalon3

L’insegnamento più difficile, il più ricco, il più potente per non restare preda delle reti del samsara संसार per non affondare nella avidyā अविद्या; 無明

fra

Satis natura homini dedit roboris si illo utamur, si vires nostras colligamus ac totas pro nobis, certe non contra nos concitemus. Nolle in causa est, non posse praetenditur. 

La natura ha dato all’uomo forza sufficiente perché ne facciamo uso, a patto che chiamiamo a raccolta le nostre forze e le muoviamo tutte in nostro favore, non contro di noi. Il vero motivo è la mancanza di volontà, l’impossibilità è un pretesto.

SENECA EPISTULAE MORALES AD LUCILIUM LIBRO 19 PAR. 116

 

 

押忍Ramon Dekkers The Diamond Turbine from Hell

Ramon Dekkers (Breda, 4 settembre 1969 – Breda, 27 febbraio 2013) è stato un thaiboxer olandese, tra i più famosi al mondo.

Ramon-Dekkers
Vinse otto volte il titolo mondiale di muay thai e  il primo non thailandese a vincere il più prestigioso dei premi nel mondo della muay thai, il “Thai boxe Fighter of the Year”

134834000c48e805_500

 

Ramon Dekkers vs Coban Lookchaomaesaithong IV - 25-06-1994.jpg

223 Match 186 Vittorie 95 per knockout

 

 

                 In ONORE del Diamante

   押忍 !!!

 

12803109_1061601993890933_6272002743778449489_n

ramondekkers

 

Arti di combattimento Presenza mentale sempre

Le arti di combattimento nate come possibilità di aggressione, difesa, sopravvivenza,
divenute discipline e sport mantengono intatto il loro messaggio:

sii desto e presente!!!

img-20180904-wa00221376194470.jpg
Addestramento Dojo Ruan Boxing scatti di @rudeboyjaco

A grado diverso spingono il praticante oltre la “zona di confort” ,sempre e comunque ogni volta è necessario reclutare tutte le proprie abilità ed energie guidate dalla determinazione, ogni volta è una storia diversa in cui non sottovalutare nessuno
in cui essere presenti totalmente, poichè il rischio è ”sull’ orlo dell’acqua”…

img-20180908-wa00221797732283.jpg

Dedicato a tutti i miei allievi che praticano con passione e dedizione

 

 

 

cropped-59671_473588406025061_445516442_n1.jpg

 

 

 

 

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑